Corale Novantanove l’Aquila: omaggio alla Russia ed al suo aiuto fattivo nella ricostruzione delle zone terremotate

Una bellissima esibizione della Corale Novantanove l’Aquila al Centro Russo di Scienza e Cultura a Roma ha suggellato gli eventi organizzati nell’ambito del progetto «I Concerti dell’Amicizia», per esprimere la gratitudine dell’intera città dell’Aquila nei confronti della Federazione Russa. Il concerto è stato dedicato all’ottavo anniversario del sisma aquilano.

Compressed file

Sono state eseguite le composizioni più suggestive diFilippo Azzaiolo, Josquin Desprez, Camille Saint-Saëns, Aleksandr Grečaninov e molti altri. A fine serata la Corale Novantanove ha proposto un bellissimo ed inaspettato fuori programma, interpretando l’Inno di Stato della Federazione Russa, accolto dai presenti in piedi e con un lungo applauso. L’evento si è contraddistinto per un’atmosfera informale e calorosa. Gli ospiti italiani – abruzzesi e non solo – hanno espresso la loro più profonda gratitudine nei confronti della Federazione Russa per il sostegno alle zone terremotate.

Compressed file

Nei giorni successivi la televisione locale dell’Aquila ha trasmesso un reportage sull’evento.

Compressed file

Il progetto culturale «I Concerti dell’Amicizia» è stato inaugurato il 22 marzo alla «Casa Russa». Il secondo appuntamento della serie si è svolto presso la residenza dell’Ambasciatore della Federazione Russa in Italia a Villa Abamelek. L’iniziativa è stata ideata ed organizzata congiuntamente dall’Associazione «L’Aquila Siamo Noi», l’Ambasciata della Federazione Russa in Italia e il Centro Russo di Scienza e Cultura.

Compressed file