VIII letture romane di Cirillo e Metodio al Centro Russo di Scienza e Cultura a Roma

Il 5 febbraio 2018 è stata inaugurata l’ottava edizione del seminario scientifico internazionale Letture romane di Cirillo e Metodio, un’iniziativa che ha riunito appassionati e studiosi di slavistica da tutto il mondo.

Compressed file

I lavori della conferenza sono stati aperti dagli interventi del direttore della rappresentanza di Rossotrudničestvo in Italia Oleg Ossipov e del Presidente dell'Associazione Italiana degli Slavisti Giorgio Ziffer. Con un saluto inaugurale è intervenuta l’ideatrice del progetto Natalia Zapolskaja, linguista di spicco dell’Istituto di Slavistica RAN e titolare della cattedra di lingua e cultura slava presso la facoltà di lettere dell’Università Statale di Mosca M.Lomonosov (MGU).

Compressed file
Giorgio Ziffer

L’evento ha raccolto molte adesioni, con una presenza importante di linguisti e studiosi dell’Università Statale di Mosca M.Lomonosov, dell’Istituto Statale di Lingua Russa A.S.Puškin, dell’Università Statale di Kazan’, del Conservatorio di San Pietroburgo, dell'Istituto di Slavistica presso l'Accademia russa delle scienze (RAN) e numerosi studenti da diversi paesi del mondo (Austria, Canada, Francia, Germania, Italia, Polonia, Serbia, Slovenia, Ungheria solo per citarne alcuni).

Compressed file

Il seminario è suddiviso in vari interventi e sezioni tematiche, tra cui Aspetti storico-filologici dell'epoca di Cirillo e Metodio: eventi, testi, personalità, Una nuova visione sull’antico: studi moderni sullescritture librarie e documentarie, dalla scrittura a mano alla stampa, Lingue slave: storia e tipologie e altri. Le relazioni scientifiche sono corredate dai laboratori teorici a pratici, dalle presentazioni di recenti pubblicazioni e progetti di studio nell’ambito della slavistica.

Compressed file

Completano il programma del convegno due visite guidate di grande interesse: «La Roma di Costantino e Metodio», «La Firenze di Massimo il Greco».

Nelle giornate dal 5 al 7 febbraio i lavori del convegno si svilupperanno presso la sede del Centro Russo di Scienza e Cultura a Roma, per poi spostarsi a Firenze l’8 e il 9 febbraio.