Giorno dei difensori della patria al Centro Russo di Scienza e Cultura

In occasione del Giorno dei difensori della patria il Centro Russo di Scienza e Cultura a Roma ha avuto l’onore di ospitare i giovani solisti del progetto «L’Ambasciata della Maestria» della Casa della musica di San Pietroburgo Dennis Gasanov e Elizaveta Klucereva che hanno proposto agli ospiti un suggestivo concerto di musica classica, suonando i brani più belli di Paganini, Ravel e Čajkovskij.

Compressed file

La serata è stata aperta dal direttore del Centro Oleg Ossipov e dall’addetto alla Difesa della Federazione Russa in Italia colonnello Sergej Chukhrov.

Compressed file

All’evento erano presenti le autorità russe, tra cui il ministro consigliere dell’Ambasciata Russa in Italia Alexander Grigoriev, i rappresentanti delle ambasciate della Federazione Russa in Italia e presso la Santa Sede, il corpo diplomatico armeno e bielorusso nonché gli inviati della rappresentanza permanente della Federazione Russa presso l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e lo Sviluppo (FAO).

Compressed file

L’inizio del 2018 segna un’importante ricorrenza: i 100 anni dalla fondazione dell'Armata Rossa dei Lavoratori e dei Contadini Sovietica. Già nel 1923 e poi negli anni della seconda guerra mondiale, il 23 febbraio venne ampiamente celebrato come il giorno delle prime vittorie dell’Armata Rossa sui soldati tedeschi. Da allora, la data di questa festa è rimasta invariata anche se ha cambiato nome più volte: fino al 1949, in Unione sovietica, si celebrava il Giorno dell’armata rossa, mentre dal 1949 al 1993, la festa si chiamò ufficialmente Giorno dell’esercito sovietico e della Flotta della marina militare; poi fu ribattezzata, prima Giorno dell’esercito russo e, infine, Giorno dei difensori della patria. Nel 2002 il Giorno dei difensori della patria è stato dichiarato festa nazionale nella Federazione Russa. Dopo la caduta dell’URSS, molte repubbliche ex sovietiche continuano a celebrare questa ricorrenza con grande.