Partecipazione della squadra italiana alla IV edizione dei Giochi mondiali giovanili a Kazan’

Si è conclusa da poco a Kazan’ una manifestazione sportiva importante: più di 650 giovani atleti da 60 paesi del mondo si sono riuniti quest’anno sui campi del complesso sportivo dell’Accademia del turismo e dello sport, per uno spettacolo sportivo straordinario.

Compressed file

Dal 13 al 19 maggio i ragazzi si sono sfidati in diverse specialità sportive: pallacanestro 3x3, mini-calcio, pallavolo, scacchi, tennis da tavolo e nuoto; per la edizione 2018 è stata aggiunta al programma dell’evento anche la ginnastica artistica.

Compressed file

La delegazione italiana si è presentata ai nastri di partenza con gli atleti di punta provenienti dalle scuole di lingua russa «Nikolaj Gogol’» e «Parola russa» (Roma). La squadra è stata accompagnata dalla campionessa di pallanuoto Rezeda Aleeva e da Julia Illarionova.

Compressed file

La manifestazione sportiva è coincisa con i festeggiamenti della Vittoria nella Grande Guerra Patriottica, e nella mattinata del 14 maggio i ragazzi hanno partecipato alla deposizione dei fiori al Parco della Vittoria, per ricordare e commemorare gli eroi della seconda guerra mondiale. «Le giornate di maggio segnano una ricorrenza molto sentita per il nostro paese, e ci impegniamo a mantenere viva la memoria nelle nuove generazioni per far sì che simili atti non possano mai più capitare», – ha sottolineato nel suo intervento Irina Rodnina, presidente della Federazione Russa Sport Scolastici, pluripremiata campionessa olimpica e vicedirettore del Comitato della Duma di Stato per le relazioni internazionali.

Compressed file

Oltre alle competizioni sportive è stato organizzato anche un intenso programma culturale, con visite guidate alle mete più interessanti della città di Kazan’, tra cui il nuovo stadio «Kazan’ Arena» che a breve ospiterà le partite del Campionato Mondiale FIFA 2018.

I giochi sono stati inaugurati con l’alzabandiera solenne:l'innalzamento della bandiera è stato preceduto dall'esecuzione dell'inno dell’evento. I partecipanti – visibilmente emozionati – hanno pronunciato il giuramento dell’atleta. La cerimonia si è svolta alla presenza del viceministro dello Sport della Federazione Russa Marina Tomilova, la quale, nel dare il benvenuto ai giovani connazionali, si è augurata che trascorrano delle giornate piene di emozioni e soddisfazioni, che possano conoscere meglio la Russia e instaurare nuove amicizie e contatti.

Compressed file

Non sono mancati i momenti creativi come, per esempio, il concorso per il miglior biglietto da visita dove la delegazione italiana si è classificata al terzo posto.

Compressed file
Compressed file

Uno spazio importante è stato dedicato allo studio della cultura e delle tradizioni della Repubblica del Tatarstan di cui fa capoluogo Kazan’: il villaggio delle Universiadi ha ospitato numerosi interventi di carattere culturale, tra cui letture, conferenze e concerti dei gruppi folcloristici locali.

Compressed file

Come da tradizione, nell’ambito dell’evento è stato organizzato un gioco intellettuale «Dialoghi in lingua russa», dove i ragazzi hanno potuto testare le loro conoscenze in diversi quiz (cultura, lingua e letteratura russa, storia, geografia). Con una visita dell’amicizia i giovani connazionali si sono recati presso le scuole medie della città per conoscere meglio la vita scolastica e gli interessi dei loro coetanei di Kazan’.

Compressed file

La cerimonia di chiusura si è tenuta il 18 maggio al villaggio delle Universiadi, alla presenza del deputato della Duma di Stato e coordinatore del progetto «Connazionali» Otari Arshba, del deputato Irek Zinnurov, del Ministro per lo Sport e per le Politiche Giovanili della Repubblica del Tatarstan Vladimir Leonov e del direttore esecutivo della Federazione russa Sport Scolastici Oleg Gadjuchkin.

Compressed file

«Ci dispiace salutarvi ma siamo certi che se nei vostri cuori il mondo dell’amicizia non ha confini, non li vedrete neanche sulla mappa. Ricordatevi che l’unione fa la forza, sempre!», – ha sottolineato Otari Arshba. Vladimir Leonov ha trasmesso ai presenti il saluto del presidente della Repubblica del Tatarstan Rustam Minnikhanov, rimarcando: «Concludiamo qui la IV edizione dei Giochi mondiali giovanili. Confidiamo che in questi giorni abbiate imparato a conoscere la nostra città e siamo certi che sarete protagonisti di altre avventure con noi molto presto, perché non è un addio, bensì un arrivederci!».

Compressed file