Benvenuti alla Casa Russa!

Ben presto questo saluto diventerà tradizionale per i Centri Russi di Scienza e Cultura all'estero.

Cari amici, siamo lieti di comunicarvi che si è concluso il concorso per il nuovo nome di Rossotrudnichestvo. Avete partecipato in tantissimi – abbiamo ricevuto più di 800 idee – e dopo un’ardua sfida abbiamo scelto il nostro vincitore: «Russkij Dom» («Casa Russa»).

«La mia proposta rappresenta un nome facile e comprensibile a tutti», – così ha corredato il suo suggerimento l’artigiano Yuri Lenshin, un soffiatore di vetro di Kaliningrad, artista emerito della Federazione Russa. La sua lettera, prima di tante, proponeva questo nome colmo di significati e, forse, ovvio poiché il più adatto.

Così, d'ora in poi la nostra agenzia manterrà questo nome in via non ufficiale. La decisione, sostenuta fortemente dal Consiglio Pubblico, non è stata del tutto inaspettata: ancora prima del cambiamento del nome le nostre missioni estere venivano chiamate così nella vita quotidiana – sia dal pubblico straniero che dai connazionali russi.

Il nome «Rossotrudnichestvo» verrà utilizzato per le comunicazioni «interne» e rimarrà invariato nei sistemi gestionali della Federazione Russa.

Vi ringraziamo di cuore per le numerose adesioni al nostro concorso! Ci congratuliamo con Yuri Lenshin e manterremo la nostra promessa: sarà ospite nella nostra Casa Russa a Berlino non appena la situazione epidemiologica lo permetterà.